Home Authors Posts by Alberto Nutricati

Alberto Nutricati

310 POSTS 0 COMMENTS

CASARANO – Entrano nel vivo, a Casarano, i festeggiamenti in onore della Madonna Immacolata, nell’omonima chiesa di via Roma. Oggi, alle 19.30, si svolge il concerto di canti mariani a cura del Coro dell’Immacolata, con un repertorio che spazia dalla musica sacra del periodo classico alla produzione contemporanea. Nata nel 1967, la Schola Cantorum Maria Santissima Immacolata è attualmente composta da 25 componenti, accompagnati all’organo da Fabio Cavallo, sotto la direzione della maestra Antonella De Giorgi. I festeggiamenti culmineranno nella solennità dell’Immacolata di venerdì 8 dicembre, quando la messa sarà solennemente celebrata, alle 10, dal vescovo Fernando Filograna, alla presenza della confraternita. Alle 17 partirà la processione in onore della Madonna alla volta della chiesa madre, dove, alle 18, sarà celebrata un’altra messa solenne, questa volta con panegirico tenuto da don Marco Corvaglia (di Racale), da poco vicario parrocchiale della chiesa di S. Francesco d’Assisi di Nardò. Dopo la funzione, la statua sarà riaccompagnata processionalmente nella chiesa dell’Immacolata.

CASARANO – Inaugurato il dipartimento di lingua e cultura cinese della scuola paritaria internazionale San Giovanni Elemosiniere a Casarano. Il dipartimento, che avrà l’obiettivo di promuovere l’intercambio linguistico-culturale tra Italia e Cina, è nato da una idea della direttrice della scuola, nonché responsabile dello stesso dipartimento, Lucia Saracino, che non ha lesinato sforzi per concretizzare questo ambizioso progetto, nel quale ha coinvolto la società Dante Alighieri, presieduta a livello locale da Fabio D’Astore, il Dipartimento di storia, società e studi sull’uomo dell’Università del Salento, diretto da Fabio Pollice, ed una rete di istituti scolastici. Il dipartimento è nato sotto i migliori auspici, come testimoniano la presenza alla cerimonia di inaugurazione di due esperti della sede centrale della Dante Alighieri, Edoardo Salamini e Aurora Tomasi, e la missiva con la quale il consigliere Luo Ping, dell’ufficio istruzione dell’ambasciata cinese in Italia, ha salutato la nuova istituzione. «A nome dell’ufficio istruzione dell’ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia – scrive Luo Ping – faccio i miei complimenti all’istituzione del dipartimento di lingua e cultura cinese nella prestigiosa Scuola paritaria internazionale San Giovanni Elemosiniere. Mi auspico che i corsi d’insegnamento di lingua e cultura cinese avranno grande successo con il sostegno e l’aiuto degli Istituti Confucio nelle sedi di Napoli e Roma. Il nostro ufficio presterà constante l’attenzione agli eventi che saranno organizzati dal dipartimento e che avranno la finalità di interscambio linguistico-culturale tra Italia e Cina».

CASARANO – Esordio stagionale casalingo per la Hope Casarano, alla sua prima volta in un campionato federale. L’appuntamento è alle 11 di domenica 3 dicembre, nel palazzetto dello sport di contrada Pietra Bianca, per la sfida al Carovigno. Dopo gli ottimi risultati dello scorso anno, quando la compagine casaranese è giunta alla finale regionale del campionato Csi, quest’anno, la Hope, presieduta da Tommaso Anastasia di Casarano, si presenta per la prima volta ai nastri di partenza del campionato di Prima divisione. E lo fa con le ambizioni di una società seria, che punta a valorizzare i giovani e a fare, entro i prossimi quattro anni, il salto di categoria. Salto che, secondo gli addetti ai lavori e guardando all’organico allestito, potrebbe giungere anche quest’anno. Del resto, la Hope è una fucina di talenti. Uno dei suoi ragazzi, Lorenzo Mezzina, dopo aver conquistato la C con il Nardò, ora milita in serie B. Si tratta, dunque, di una matricola che non farà il ruolo di semplice comparsa, con giocatori di serie B e C all’interno del proprio organico. La rosa, sotto la guida del capo allenatore Mimino Giaffreda di Parabita, è composta da Simone Acquaviva, Gabriele Campa, Paolo De Micheli, Gianluca Mezzina, Andrea Coco (Casarano), Antonio Giungato, Giovanni Lubello (Gallipoli), Agostino Giaffreda, Daniele Giaffreda, Gianni Giaffreda, Cristian Fracasso (Parabita), Enea Palma, Quintino Minonni (Taurisano), Stefano Ria, Francesco Ria (Collepasso), Stefano Bisconti (Monteroni), Alessandro Denuccio (Brindisi). «Siamo tutti fiduciosi – dicono i dirigenti – perché il progetto Basket e Casarano possano insieme portare grandi soddisfazioni a noi tutti. Siete tutti invitati al nostro debutto nel basket che conta. Il campionato federale sarà duro per tutti, ma noi siamo fiduciosi che il calore della nostra città possa portarci in alto».

CASARANO – Un torneo di burraco per aiutare chi ha bisogno. Si svolge domenica 26 novembre a Casarano un torneo di burraco organizzato appositamente per sostenere le attività della Casa famiglia Serve del Cenacolo. L’appuntamento è fissato per le ore 17 nella sede di via Tagliamento. Sarà possibile iscriversi a partire dalle 16.30 di domenica. La quota di partecipazione è di 15 euro a persona. Il ricavato sarà interamente destinato ai bambini ospiti della casa famiglia e alla mensa dei poveri, anch’essa gestita dalle suore Serve del Cenacolo nella struttura di via Tagliamento. Si tratta di un momento di divertimento e condivisione non fine a se stesso, ma finalizzato a sostenere chi, per vivere dignitosamente, ha bisogno dell’aiuto e del sostegno di tutti.

CASARANO – Il quartiere Mammarao centro di cultura e di promozione sociale. Martedì 21 novembre a Casarano, l’ente Santa Cecilia, capofila del progetto “Vivaio Mammarao” finanziato dalla Fondazione con il Sud allo scopo di trasformare una discarica a cielo aperto in un giardino sociale, ha voluto celebrare la Giornata internazionale dei diritti dei bambini e la Giornata nazionale dell’albero proprio nel quartiere. Si è molto insistito sulla valenza pedagogica e sociale del gioco, che è ancora più divertente se condiviso, rompendo, così, il perverso potere di isolamento dei dispositivi digitali. «Abbiamo trascorso – dicono gli organizzatori – una mattinata di straordinaria profondità. Abbiamo voluto valorizzare due protagonisti essenziali per il progetto Mammarao e per l’intera umanità: i bambini e gli alberi. Con i bambini abbiamo riflettuto, divertendoci, su tre diritti fondamentali: la famiglia, il gioco e lo studio. Poi, dopo una gustosissima colazione nei giardini di Mammarao, abbiamo piantato i nostri primi sei alberi, battezzati “Alberi dei diritti dei bambini”. Un grazie particolare ai tre Poli di Casarano che hanno lavorato in sinergia e all’unisono per realizzare questa attività. Abbiamo toccato con mano che i nostri Istituti Comprensivi hanno docenti e dirigenti di eccellenza. Un grazie, infine, alle educatrici della “Soffitta senza tetto” che hanno ideato i laboratori e le attività della mattinata».

CASARANO – Spazio alla creatività al “Liceo economico sociale” di Casarano che martedì 21 novembre ha aderito all’iniziativa di valorizzazione della musica e dell’arte promossa dal Ministero dell’Istruzione dal titolo “Nessun parli…: musica ed arte oltre la parola”. Nel corso di un’apposita assemblea d’istituto, gli allievi hanno dato ampio sfogo alla loro creatività. Nella sede del liceo Classico di via Ruffano, indiscussa protagonista è stata la musica dal vivo, con una “super band” formata da alcuni alunni degli Istituto comprensivi di Matino e di Gagliano del Capo, del Polo 2 di Casarano e dagli allievi dell’Istituto superiore diretto da Monia Casarano. Nella sede di viale Stazione si sono svolte molteplici attività, dalla pittura al canto, dalla “paint art” alla danza. Accanto ai suoni e ai balli della pizzica salentina, gli studenti hanno realizzato dei pannelli ispirandosi all’Action painting, palesando fantasia, entusiasmo e capacità organizzative.

CASARANO – Terzo appuntamento della rassegna “La Politica o della Pubblica felicità” organizzata dall’Università Popolare di Casarano. Dopo i primi due incontri sulle origini del pensiero politico e su Aristotele, giovedì 23 novembre alle 18 nelle sale della parrocchia dei santi Giuseppe e Pio, in via Belgio, si entra nel vivo del tema con l’avvio del ciclo di tre incontri sul “Monarchia” di Dante Alighieri. L’analisi dell’interessante opera dantesca, sfortunatamente considerata minore, proseguirà il 30 novembre e il 7 dicembre.  Le tre lezioni sono curate da Luca Isernia, critico letterario, docente del “Meucci” di Casarano e colonna portante, assieme al presidente Marco Mazzeo, dell’Università popolare di Casarano.

CASARANO – Uno sportello per alunni con bisogni educativi speciali e disturbi specifici dell’apprendimento. Lo sportello viene inaugurato martedì 21 novembre, alle 16.30, nell’Istituto comprensivo Polo 2, in collaborazione con il centro “Amici di Nico Onlus” di Matino. «L’attivazione dello Sportello – fanno sapere dall’istituto diretto da Luisa Cascione – è finalizzata ad istituire un punto di consulenza rivolto a genitori e insegnanti sulle tematiche inerenti la disabilità, i disturbi specifici di apprendimento, i disturbi evolutivi specifici, Adhd, disturbi del comportamento e a fornire indicazioni in merito ad eventuali percorsi diagnostici e di potenziamento da intraprendere, garantendo il pieno rispetto della privacy». Dopo i saluti del dirigente Cascione, interverranno il presidente del Centro “Amici di Nico”, Maria Antonietta Bove, il sindaco Gianni Stefano, l’assessore alla pubblica istruzione, Francesca Pirri, e la dottoressa Lucilla Carelli, psicologa psicoterapeuta che illustrerà i servizi forniti dallo sportello.

Claudio Casciaro

CASARANO – Comitato “Pro Ferrari” di nuovo sul piede di guerra con la proposta di iniziative clamorose. All’indomani della decisione con la quale il Tar, su ricorso della Asl, ha confermato la sospensiva dell’ordinanza con la quale il sindaco Gianni Stefàno aveva disposto la riapertura d’urgenza del reparto di Pediatria, il comitato civico parte all’attacco. Tra le iniziative proposte nel corso di una recente riunione vi sono lo sciopero della fame, la consegna al Prefetto delle schede elettorali dei cittadini casaranesi e il sit-in a Bari in occasione del Consiglio regionale monotematico sulla sanità in programma venerdì 24 novembre.Intanto, una nuova tegola sta per abbattersi sul “Ferrari”. Dopo il trasferimento a Gallipoli dei reparti di Ostetricia-Ginecologia e di Pediatria, anche Chirurgia pediatrica sembra ormai prossima ad abbandonare il “Ferrari”, alla volta del “Vito Fazzi” di Lecce.

Martedì 21 si terrà la riunione con le organizzazioni sindacali convocata dalla Asl allo scopo di programmare il trasferimento del personale di chirurgia pediatrica. Non mancano le critiche verso la Regione, soprattutto per non essersi resa disponibile per l’incontro in prefettura che si sarebbe dovuto tenere lo scorso 3 novembre. Il primo a stigmatizzare l’atteggiamento del presidente Michele Emiliano, ritenuto “arrogante e poco rispettoso”, è il presidente del comitato Claudio Casciaro, che sino ad oggi ha sempre cercato di stemperare i toni e di procedere sulla via della mediazione. Critico nei confronti del presidente della Regione, nonché assessore alla sanità, è anche il consigliere regionale Cosimo Borraccino. «Sinistra Italiana – dice Borraccino – continua a chiedere al presidente Emiliano di rivedere il piano di riordino ospedaliero e di rivedere le tante scelte sbagliate, compresa quella perpetrata ai danni della comunità di Casarano».

CASARANO – Si è celebrato nello storico calzaturificio Elata, venerdì 17 novembre, il “Pmi-Day Industriamoci”, organizzato da Confindustria. Presenti all’evento il Comitato piccola industria di Confindustria Lecce, i referenti di Confagricoltura Lecce e gli studenti del “Meucci” di Casarano, accompagnati dalla dirigente Concetta Amanti e dal professore Giuseppe Polimeno. Gli ospiti sono stati accolti dal titolare dell’azienda, Martino Nicolazzo, e dal sindaco Gianni Stefàno. Tema della settima edizione del “Pmi-Day” è stato quello della valorizzazione delle produzioni territoriali e la lotta alla contraffazione.

«Occasioni come questa – ha affermato Paolo Bastianello, presidente nazionale del gruppo tecnico “Made In” di Confindustria – sono importantissime per creare ponti tra due mondi che devono necessariamente unirsi: scola e impresa. Io vengo dal Veneto, dove, in passato, si ascoltava spesso la frase: “Se non ti va di lavorare, vai a studiare”. Oggi, invece, si deve dire: “Se non studi, non lavori”». Dello stesso avviso, Maria Teresa Sassano, presidente del Comitato regionale Piccola Industria, e Vincenzo Portaccio, presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Lecce.

CASARANO – Uno sportello per orientarsi nel mondo della formazione e del lavoro. È stato inaugurato nei giorni scorsi in via San Giuseppe (angolo con piazza San Domenico), lo sportello dell’Agenzia formativa di intermediazione lavoro (“Afil”) a margine del workshop “Direzione Futuro” svoltosi all’interno del chiostro comunale. All’incontro, organizzato dall’ente di formazione “Accademia nuovi studi internazionali” (“Ansi”), hanno partecipato l’assessore regionale alla formazione e lavoro Sebastiano Leo, il sindaco Gianni Stefano e il presidente fondatore di Ansi Antonio Muia.

«Non solo a Casarano, ma in tutto il basso Salento, mancava – riferisce la responsabile di Afil e direttrice di Ansi Francesca Ozza – un punto di raccolta informazioni sulle varie offerte e domande  di lavoro che grazie all’accreditamento ottenuto con Anpal Servizi adesso possono confluire nell’agenzia di Casarano. Da sempre, ancor prima di proporre uno dei nostri corsi, cerchiamo di capire quale sia il sogno di un ragazzo e di chiunque si rivolga alla nostra scuola. Tracciare la direzione del futuro di un possibile corsista è prioritario per la sua piena e felice realizzazione, che inevitabilmente diventa anche la nostra».

CASARANO – Il Politecnico del Made in Italy sforna i primi “laureati”. Si è svolta nei giorni scorsi a Casarano la cerimonia di consegna degli attestati agli studenti che hanno portato a termine il corso biennale in modellistica e stile per la calzatura, tra l’altro già assunti in aziende del settore. Alla cerimonia erano presenti anche i docenti e i ragazzi che da poco hanno iniziato il nuovo ciclo di formazione. «Il settore – dice il presidente Luciano Barbetta, titolare dell’omonima azienda a Nardò – è in forte crescita ed il fenomeno potrebbe generare grosse opportunità per nuove iniziative anche auto imprenditoriali nel mondo della moda e per veri posti di lavoro che attraverso una formazione specialistica mirata potrebbero allentare l’esodo di quella numerosa schiera di giovani che delusi lasciano la loro terra per altre destinazioni e spesso senza più farne ritorno». Sulla stessa lunghezza d’onda il vicepresidente Michele Zonno. «Il flusso continuo di tali figure – precisa Zonno – è una condizione abilitante per la crescita e lo sviluppo di aziende impegnate in produzioni di elevatissima qualità». Da questo punto di vista, i risultati ottenuti sono lusinghieri. «Stiamo cercando – aggiunge il direttore Demetrio Manco – di contribuire alle necessità, di alta formazione e servizi specializzati, espresse dalle aziende delle produzioni moda, abbigliamento e calzature, ma ancora tanta strada resta da fare: ci conforta riscontrare che la quasi totalità delle persone formate beneficiano di un elevato tasso di occupazione in aziende del territorio e non solo». Intanto, sono aperte le iscrizioni per il nuovo ciclo di formazione in modellistica e stile abbigliamento (informazioni al numero 392/9057987 – info@polimade.it).

La Soffitta senza tetto

CASARANO.Cinque appuntamenti con il teatro per bambini presso la “La Soffitta Senza tetto”, libreria indipendente specializzata in editoria per bambini da 0 a 13 anni. La rassegna, intitolata “Burattini in libertà”, offrirà ai bambini la possibilità di trascorrere i pomeriggi delle domeniche autunnali in modo alternativo. La rassegna prede il via domenica 12 novembre per protrarsi sino al 17 dicembre. Tutti gli appuntamenti si terranno nella sede della libreria, al civico 52 di Via Delle Industrie, a partire dalle ore 17 (costo del biglietto 5 euro – prenotazione obbligatoria al numero 0833/513423 – soffittasenzatetto@gmail.com). Si parte domenica con lo spettacolo “Eccolo” a cura dell’associazione “Madimù”. Si continua il 19 con “Giovannino senza paura” di Micco e Macco. Il 26 torna in scena “Madimù” con “Macchie di luna”. Gli ultimi due spettacoli, rispettivamente il 10 e il 17 dicembre, saranno entrambi a cura di Micco e Macco. Si tratta di “Anìma” e di “Fagiolino l’elfo postino”. «Il primo appuntamento – spiegano le organizzatrici – è liberamente ispirato al libro “Oh-Oh!” di Chris Haughton e “Dov’è la mia mamma” di Julia Donaldson ed è consigliato ad un pubblico di bambini dai 2 ai 6 anni. Con la tecnica dei pupazzi da tavolo, una narratrice racconta la storia di un cucciolo che per riuscire a ritrovare il suo amico chiede l’aiuto di un animaletto pasticcione, in un susseguirsi di situazioni divertenti e incontri strampalati. Lo spettacolo tramite l’uso mirato di un linguaggio semplice, di ripetizioni, di suoni e di colori che coinvolgano con naturalezza i bambini tratta il tema dell’avere fiducia nell’altro».

CASARANO – L’ex cancelliere del tribunale di Casarano, Vincenzo Marinosci, va in pensione. Marinosci è stato amministratore di Alliste per circa trent’anni, ricoprendo la carica di vicesindaco e di assessore. Il suo nome, però, è conosciuto ben al di là dei confini della sua cittadina di origine, per essere stato un “protagonista” della giustizia salentina sin da quando, nel 1981, giunse all’allora pretura di Casarano, poi divenuta Tribunale. Qui rimane sino al 2015, quando, a seguito della riorganizzazione della geografia giudiziaria, la sede decentrata di Casarano chiude i battenti. Marinosci termina la sua attività di cancelliere a Lecce. Ma il legame tra Casarano e Marinosci, che ha portato il cancelliere a intraprendere una vera e propria battaglia per il mantenimento della sezione casaranese, non si è mai interrotto. Purtroppo, è stato proprio lui a dover chiudere per l’ultima volta il palazzo di giustizia di Casarano, consegnandone le chiavi al sindaco. La sua speranza, però, è quella di riaprire quel palazzo. «La guerra – dice Marinosci – non è persa. La lotta va ripresa con maggiore convinzione ed energia». L’ex cancelliere si è sempre definito un “notaio della giustizia” e non “un burocrate al servizio dei magistrati”. Da qui l’invito ai suoi colleghi di custodire gelosamente la loro identità e di svolgere al meglio il ruolo di soggetti autenticamente “super partes”, disponibili verso tutte le parti protagoniste del procedimento, soprattutto con gli avvocati.

I progetti per il futuro non mancano. Oltre a riprendere la battaglia per il tribunale di Casarano, l’ex cancelliere vorrebbe restare nell’ambito della giustizia come giudice onorario addetto al settore della volontaria giurisdizione, “per continuare a difendere i diritti e la dignità delle persone più deboli, come ho sempre fatto”.

CASARANO – I salentini del “Black Soul Trio” potrebbero essere tra i protagonisti della nuova edizione di “Amici”, la seguitissima trasmissione di Canale 5 condotta da Maria De Filippi. Il cantante Matteo Cazzato di Presicce, il chitarrista (e consigliere comunale) di Casarano Aldo Torsello e il tastierista Davide Donadei di Parabita si sono, infatti, guadagnati l’accesso alla prima puntata in diretta del 18 novembre. I tre giovani salentini hanno superato brillantemente le selezioni. Nell’ultima tappa del casting, trasmessa su Real Time (qui il video), il trio ha conquistato la giuria con un repertorio decisamente “sui generis”. Coraggiosissima la scelta di rompere il ghiaccio con “Helleluijah” di Leonard Cohen, magistralmente interpretata da Matteo. Il trio salentino ha poi eseguito una convincente versione di “Human” di Reg’N’Bone Man, per concludere con la carica e la vitalità tipicamente salentine di “Sciamu a ballare” dei Sud Sound System. I tre ragazzi hanno regalato emozioni fortissime, mettendo in evidenza la versatilità e le doti della band, suggellate dalla profonda ed emozionante voce del cantante presiccese.

«La nostra musica – spiega Matteo Cazzato – è un percorso che va da pezzi impegnati a brani molto più leggeri. Nel nostro repertorio non mancano pezzi salentini, anche perché cerchiamo sempre di portare la nostra terra nel cuore. Quando partiamo, non mancano mai caffè, tarallucci e frise. Il nostro obiettivo, salendo sul palco, è quello di dare al pubblico qualcosa che ci deve tornare attraverso uno scambio continuo di energia». E pensare che il trio è nato quasi per caso, in occasione di una serata musicale. Il Black Soul Trio si giocherà le sue chances di accesso alla scuola di “Amici”, insieme agli altri undici aspiranti, nella puntata del 18 novembre. «È motivo d’orgoglio per me – commenta Torsello – rappresentare il nostro territorio ed in particolare Casarano, in questa nuova avventura». «Grazie mille a tutti per l’affetto – aggiunge Donadei – vedere tutti i nostri amici e sostenitori aspirare con noi a realizzare un sogno ci riempie di emozioni».

CASARANO – Anche la Farmacia Cooperativa di Casarano aderisce alla campagna dell’Airc “I Cioccolatini della ricerca”. Sabato 4 novembre i cioccolatini saranno in vendita dinanzi all’ingresso della in via Cavour. Chiaro il messaggio lanciato dall’Unione cooperativa di consumo – sezione farmacia – di Casarano. «Credo che sia importante – dice il presidente Antonio Pedone – sostenere e contribuire alla sensibilizzazione della lotta contro il cancro, aderendo all’iniziativa promossa dall’Airc, con il coinvolgimento dei soci della cooperativa stessa e i concittadini. Ritengo che le attività di consumo debbano sostenere in qualsiasi modo il terzo settore, quel settore di volontariato espressione di alto valore nella società contemporanea che, con il piccolo gesto di ognuno di noi, potrà continuare a prestare risorse e competenze in grado di garantire il miglioramento della qualità di vita dell’essere umano».

In provincia “I Cioccolatini della ricerca” sono anche a Lecce (galleria Mazzini), Castro (piazza Armando Perotti), Galatina (via Val D’Aosta), Galatone (piazza Santissimo Crocifisso), Leverano (vico Menotti), Melendugno (piazza Monsignor Durante –  piazza Risorgimento), Porto Cesareo (piazzale Pro loco), Santa Maria di Leuca (via Cavaliere Tommaso Fuertes), Tricase  (lungomare Colombo), Uggiano La Chiesa (piazza Umberto I).

Dario Corsano

MATINO. Il 25enne Dario Corsano è stato il protagonista della prima edizione di “«Coach della Nazionale per un giorno”, iniziativa della Federazione italiana Baseball Softball (Fibs), nata allo scopo di premiare chi si è contraddistinto nell’attività di promozione del baseball.

Dario è figlio di Fabio Corsano, presidente degli Angels Matino, compagine che milita nel campionato di serie C. Per una’intera giornata, Dario ha fatto parte dello staff tecnico degli azzurri, affiancando il manager Gilberto Gerali e gli altri coach della nazionale, in occasione della gara delle European Baseball Series disputata a Godo di Russi, in provincia di Ravenna, lo scorso 21 ottobre.  «È stato un sogno divenuto realtà. Farò tesoro – commenta Corsano – di tutti gli insegnamenti ricevuti. La nazionale per me era una realtà che potevo solo immaginare. Toccarla con mano è tutt’altra cosa. Voglio ringraziare il vicepresidente della Fibs Gigi Mignola per l’opportunità che mi è stata data, i giocatori e lo staff della nazionale per avermi accolto a braccia aperte, la Fibs, la società del Godo Baseball per l’ospitalità e ultimi, ma non per importanza, i miei genitori e la mia fidanzata Paola, per aver condiviso insieme a me questa fantastica esperienza».

CASARANO – La scuola primaria di via IV Novembre di Casarano si aggiudica il concorso nazionale “GreenVision – Guarda che bello”. A sbaragliare la concorrenza delle altre 622 classi sparse per l’Italia sono state le sezioni A e B della seconda, che hanno presentato un book di disegni, un power point e due cartelloni. L’istituto diretto da Rita Augusta Primiceri verrà premiato con una dotazione di materiali per la didattica per un valore di mille euro. Sui 4.475 elaborati ricevuti, la giuria ha premiato i lavori degli alunni della scuola primaria che fa capo al Polo tre. “Guarda che bello” è un progetto di educazione alla salute della vista promosso dal Consorzio ottico italiano-Gruppo GreenVision, consorzio senza fini di lucro di centri ottici, con il patrocinio dell’Associazione italiana medici oculisti (Aimo).

«Il progetto – spiegano i promotori – ha messo gratuitamente a disposizione di insegnanti e famiglie attività giocose e strumenti didattici per portare l’attenzione dei bambini sul mondo di luce e colori che si apre ai loro occhi e sensibilizzarli sui corretti comportamenti visivi». Il concorso legato al progetto chiedeva alle classi di preparare elaborati creativi che raccontassero quello che i bambini hanno scoperto sul tema della visione. Partecipando al concorso le classi hanno contribuito con una donazione di 10 euro, per un totale di 6.250 euro, al progetto benefico “Ridare la luce” a favore dei Paesi africani dove più gravi sono i problemi visivi.

GALLIPOLI. Diffondere il pensiero e l’opera di Jung. Questo il principale scopo dell’associazione junghiana salentina “Kyklos”, nata dall’incontro di Loredana Benvenga di Gallipoli, Rosario Puglisi e Cassio Scategni di Taviano. Nonostante l’associazione abbia solo due anni di vita, vanta all’attivo un curriculum di tutto rispetto. Si è recentemente svolto a Gallipoli il secondo convegno nazionale dal titolo «Jung e la coincidentia oppositorum tra simbolo e archetipo», che ha visto convergere nella città jonica esperti e studiosi di fama nazionale e internazionale. L’associazione ha tenuto, in giro per il Salento, seminari e incontri sui miti del nostro tempo, sul sacro e sul Libro Rosso di Jung. Il tutto è confluito nel secondo convegno nazionale, dedicato alla «Coincidentia oppositorum», tema poco conosciuto, ma straordinariamente attuale e affascinante, che ha riscosso molto interesse tra i numerosi partecipanti.

«Si tratta – spiega Loredana Benvenga – di cercare di conciliare le istanze psichiche contrastanti che creano conflitti, attraverso un percorso interiore. Dentro di noi ci sono conflitti che hanno delle radici profonde. Risanare questi conflitti è possibile tramite un percorso di scoperta di sé che passa attraverso il riconoscimento e l’integrazione dei nostri lati bui. Tale percorso comporta il passaggio da una serie di fasi e non si esaurisce mai, nel senso che tutta la vita è assimilabile alla ricerca dell’armonia interiore». L’obiettivo è quello di giungere a un equilibrio interiore. «Un equilibrio – precisa la Benvenga – che non è statico, ma che si rinnova costantemente attraverso fasi di morte e rinascita continue delle proprie parti contrastanti. In questa prospettiva, l’armonia non solo garantisce la guarigione dei sintomi, ma soprattutto conduce alla ricerca del sé o, come dicono gli analisti junghiani, all’individuazione, nella consapevolezza che il sé non si raggiunge mai. Qualche volta lo possiamo percepire, ma poi tutto viene messo sempre e nuovamente in discussione ed è questo che ci caratterizza come esseri unici».

CASARANO – Torna a giocare tra le mura amiche del “Capozza” il Casarano di mister Sportillo. Domenica 1 ottobre sarà sfida contro il Novoli per provare a rimanere nella scia delle prime del campionato d’Eccellenza (fischio d’inizio alle 15:30 con la direzione di gara affidata a Gianluca Natilla di Molfetta). Dopo un inizio di stagione al di sotto delle aspettative, i tre punti conquistati domenica scorsa a Vieste hanno ridato  fiducia all’ambiente rosso-azzurro e per la prossima sfida casalinga la speranza della società è che siano in tanti a sostenere la squadra. Prima del match di domenica scorsa, vinto per 3-0 in trasferta, il Casarano avevano racimolato solo un punto in due gare, frutto di un pareggio e di una sconfitta. Da subito, però, mister Pietro Sportillo aveva invitato tifosi e sportivi alla prudenza, allo scopo di evitare inutili pressioni sulla squadra.

«Abbiamo una squadra molto competitiva – spiega il tecnico rossoazzurro – ma se qualcuno pensa che il Casarano possa vincere sempre e con facilità, allora o io non capisco nulla di calcio, cosa molto probabile, o qualcuno vuole destabilizzare l’ambiente. Sono tutte ottime squadre, ben messe in campo e allenate da persone molto preparate. Per di più, i nostri ragazzi riescono ad esprimersi al meglio solo se sono sereni. Vorrei che tutto l’ambiente ci sostenesse specialmente nei momenti difficili, perché quello che stiamo affrontando è un campionato molto equilibrato e farà meglio chi avrà la serenità di esprimersi al massimo». Dello stesso avviso la società del presidente Fernando Totaro, che invita i tifosi a stare vicini alla squadra, nella convinzione che i risultati potranno giungere solo se si lavora tutti insieme per un obiettivo comune.

GALLIPOLI. Dal comitato civico «Pro Ferrari» un ultimatum alla Regione: 48 ore di tempo prima di dar voce alla protesta contro il declassamento dell’ospedale di Casarano.
«Abbiamo già proclamato lo stato di agitazione e di mobilitazione – dice il presidente del comitato Claudio Casciaro – ora attendiamo fiduciosi un intervento risolutivo da parte della Regione, già nelle prossime ore. Ci aspettiamo che la Regione deliberi a strettissimo giro in merito all’istituzione del polo ospedaliero Casarano-Gallipoli e che la Asl sospenda la procedura di dismissione del punto nascita e del reparto pediatria in attesa della sentenza del Tar, fissata per il prossimo 4 ottobre. Se ciò non dovesse avvenire, programmeremo e metteremo in campo delle azioni di protesta».
Fermamente contrarie alla chiusura del punto nascita e del reparto di pediatria le organizzazioni sindacali. La maggior parte di esse (Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl, Fsi, Usae, Fsi e Fials) ha inteso disertare, in segno di protesta, l’incontro convocato dalla Asl per lo scorso 20 settembre, avente ad oggetto proprio la dismissione del punto nascita. A prendere parte alla riunione sono state solo la Cisal Sanità e la Usppi.
Intanto, prende sempre più corpo l’ipotesi di un ricorso al Tar da parte dell’Amministrazione contro la delibera con la quale l’Asl ha disposto la chiusura di ostetricia-ginecologia e di pediatria entro il 30 settembre. Il ricorso andrebbe ad aggiungersi a quello contro il piano di riordino che sarà discusso il prossimo 4 ottobre.

Maria Nuccio

CASARANO. La casaranese Maria Nuccio è il nuovo segretario del distretto Sud-Est della Fidapa per il biennio 2017-2019.Un ruolo importantissimo per la Nuccio, in carica dal primo ottobre, visto che il distretto comprende Puglia, Molise, Abruzzo e Basilicata. La nomina è avvenuta a Bari, lo scorso 10 settembre, nel corso dell’assemblea ordinaria distrettuale della Fidapa svoltasi all’interno del palazzo del Teatro Petruzzelli. Si tratta di un riconoscimento di prestigio per la farmacista e socia fondatrice della sezione di Casarano, nella quale ha ricoperto i ruoli di revisore dei conti, vice presidente, segretaria e presidente.

«Con orgoglio e soddisfazione – fanno sapere dalla sezione di Casarano – vantiamo questo prestigioso e autorevole incarico ottenuto all’unanimità e auguriamo a Maria Nuccio e al nuovo direttivo un percorso gratificante e ricco di soddisfazione».

Intanto, il 23 settembre si terrà a Roma il congresso nazionale della Fidapa per eleggere il nuovo comitato di presidenza nazionale. Le candidate del distretto Sud-Est sono tre: Fiammetta Perrone di Lecce, presidente uscente del distretto, per la carica di segretaria nazionale; Giulia Galantino di Bisceglie, per l’incarico di tesoriera; Ida Giannelli della sezione di Casarano, come componente del collegio delle garanti.

GALLIPOLI. Si svolgerà sabato 23 settembre a Gallipoli il convegno nazionale dal titolo “Jung e la coincidentia oppositorum tra simbolo e archetipo”. A partire dalle 9, e per l’intera giornata, medici, psicologi e psichiatri si riuniranno nella Galleria dei Due Mari del Castello Angioino per discutere dell’attualità dell’opera junghiana. La giornata di studio è organizzata dall’Associazione culturale junghiana salentina “Kyklos”, fondata dagli psicologi analisti Rosario Puglisi e Loredana Benvenga e dal medico Cassio Scategni, attuale presiedente dell’associazione. «Il convegno – spiegano i promotori – si propone di coniugare la teoria della ricerca junghiana con la prassi clinica e vedrà la partecipazione di illustri relatori». L’appuntamento si colloca sulla scia delle analoghe iniziative promosse allo scopo di diffondere sul territorio salentino il pensiero junghiano. Il convegno nazionale è patrocinato dal Centro Italiano di Psicologia analitica meridionale, dal Comune di Gallipoli, dalla Provincia di Lecce, dall’Ordine degli Psicologi, dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e dalla Pro Loco di Gallipoli (informazioni al numero 327/8208247 e all’indirizzo email: centrojunghianosalentinokyklos@gmail.com).

L’ex tribunale di viale Stazione

CASARANO. Si svolgerà martedì 19 settembre a Casarano il secondo ed ultimo laboratorio di “progettazione condivisa” in vista della partecipazione al bando regionale sulla Rigenerazione urbana. L’appuntamento è presso l’ex tribunale di viale Stazione dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Le aree interessate dal progetto, già individuate nel documento approvato nel 2009 e aggiornato nel 2010, saranno il centro storico e contrada Pietra Bianca. Due le principali linee guida: qualità della vita e energia sostenibile; inclusione sociale e lotta alla povertà.

In virtù di queste direttive, nel centro antico si cercherà di sviluppare il tema della mobilità sostenibile e della pedonalizzazione. Altro tema è la diffusione della legalità, con riferimento agli edifici confiscati alla mafia, che potranno essere utilizzati per fornire supporto temporaneo alle famiglie in difficoltà o per ospitare un emporio solidale. In contrada Pietra Bianca, si punta a potenziare l’azione coesiva della parrocchia e delle attività sportive.

Non senza polemiche il primo incontro di martedì 12 per lo “scarso preavviso” con il quale è stata data notizia della convocazione dei laboratori ed essendo la partecipazione un requisito essenziale richiesto dal bando, che scade il prossimo 29 settembre.

«Non è possibile parlare di progettazione partecipata e laboratori aperti alla cittadinanza – denuncia il pentastellato Enrico Giuranno – con neppure 24 ore di preavviso. È come dire: “Non venite affatto”». «Forse – aggiungono gli esponenti di Articolo 1 – qualcuno dimentica che le persone lavorano e hanno impegni. Il primo passaggio per garantire la partecipazione è un congruo anticipo della convocazione, fatta con modalità in grado di raggiungere un vasto pubblico».

CASARANO – Si trova a Casarano l’unico centro italiano per la diffusione del “San Huang Pao Chui”, stile tradizionale di kung fu o, come sarebbe più corretto dire, di wushu. A portare in Italia quest’arte marziale, riconosciuta come “patrimonio culturale immateriale” della Cina, è stato il casaranese Alessandro Astore, avendola appresa dal maestro Yin Shuzeng. Oggi, dopo la morte del maestro Yin, l’apprendimento dello stile continua con il maestro Xu Zhiqiang

«”San Huang Pao Chui – spiega Astore – è l’espressione di una passione verso la cultura cinese delle arti marziali, che mira a diffondere il San Huang Pao Chui Quan autentico, secondo principi e metodi tradizionali cinesi. Non è una scuola, ma il tramite attraverso il quale è possibile affacciarsi alla cultura cinese del wushu tradizionale, nella forma più autentica: gli allenamenti sono all’aperto, lontano da palestre e centri sportivi, non vi sono competizioni né gradi né diplomi».

Quella di Casarano, tra l’altro, è l’unica realtà in Italia dove si pratica tale disciplina, presente in Europa solo in Spagna ed in Svizzera. Chiunque può accostarsi al wushu tradizionale. Non sono richieste particolari abilità fisiche o capacità atletiche. Sono sufficienti volontà, pazienza, disciplina e passione, “ma soprattutto – conclude Astore – disponibilità al cambiamento”. Gli allenamenti riprenderanno lunedì 18 settembre, alle ore 19, nel Parco d’Oriente, nei pressi dell’Agenzia delle entrate (informazioni al numero 333/2684423).

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...