Giuseppe Barba: «È un attentato ma non mi fermo»

di -
0 1269

Gallipoli. Vigili del fuoco e poliziotti del commissariato avevano escluso la matrice dolosa di quell’incendio notturno, così uguale eppure così tremendamente diverso da altri. Gli ultimi accadimenti danno invece un’altra visione: il furgone Renault Kangoo, che ha preso fuoco in via Galatone intorno alle 3 di venerdì 24 febbraio, ha lasciato intravvedere tra le lamerie annerite se non una firma, quantomeno una ragione.

E se il “dichiarante” Giuseppe Barba (foto), collaboratore anche se ancora non ufficiale dei magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Lecce, riprende la parola nell’aula bunker dove si tiene il processo per l’omicidio di Salvatore Padovano, una ragione c’è. E’ una ragione a cui tutti all’indomani del rogo avevano pensato, in effetti. Perchè l’automezzo, anche se intestato ad una nipote, è usato dal padre di Barba, Mario, che è genitore anche di Marco, l’altro figlio pentito per poco e poi rientrato nel clan di Rosario Padovano, il mandante dell’ammazzamento di Salvatore, suo fratello.

«Porterò avanti la mia collaborazione con la Procura fino alla fine», ha detto Giuseppe Barba, passato da “santa” (nella gerarchia del gruppo cirminale) ad aspirante  pentito, anche se i magistrati ancora non si fidano di lui  (infatti non ha alcun programma di protezione).

Colui che potrebbe essere il primo pentito in riva allo Jonio, che ha già ricevuto una pesante lettera di minacce rivolte ai suoi familiari,  non crede al corto circuito e l’ha voluto far sapere a tutti.  Come non ci hanno creduto fin dal primo momento i parenti di casa Barba: «Vigliacchi, sono dei vigliacchi», hanno detto quando ancora nell’aria c’era l’odore acre di gomma e vernici bruciate. «Anche senza furgone la vita va avanti», aveva dichiarato ai cronisti la madre dell’intestataria del mezzo, come per ribadire che l’intimidazione – almeno questa volta, almeno ufficialmente ed apparentemente – non ha prodotto effetti.

Gli inquirenti restano comunque preoccupati. Mario Barba sembra che da qualche tempo trovi difficoltà nell’acquisto di prodotti ittici da rivendere: c’è anche questo a far pensare ad una “rete” di relazioni tra clan e alcuni settori della città ancora ben salda.

Commenta la notizia!