Evento d’arte in quattro serate per il “Giannelli”

by -
0 1597

TEATRO E CONCERTO PRIMA DELLA PASSERELLA Il dirigente del liceo artistico “Giannelli”, Cosimo Preite, durante la serata conclusiva dell’Art happening con il quale è stato salutato l’anno scolastico alla presenza del sindaco Alfredo Cacciapaglia (a destra)

Parabita. «Stiamo lavorando per realizzare il sogno di una collettività educante che vuole garantire una rete di solidarietà, proponendo politiche educative orientate alla rigenerazione del tessuto culturale»: con queste parole il dirigente del liceo artistico “Giannelli”, Cosimo Preite, ha presentato la serata conclusiva della quarta edizione di “Art happening” svoltasi di recente.

Una manifestazione spalmata su quattro serate all’interno della quale si sono susseguiti una serie di eventi artistici, teatrali e musicali tra i quali le rappresentazioni de “Le Veneri” e “Si dice donna” tratta da Lisistrata di Aristofane, un intreccio di linguaggi musicali, visivo artistici e poetici.

E poi ancora il “Concerto in armonia” curato dall’Orchestra Smim di Lecce, dal liceo Coreutico di Parabita e dal conservatorio Tito Schipa di Lecce con momenti che hanno permesso agli studenti di uscire  fuori dai consueti binari della didattica esprimendo la propria creatività.

“Art happening” si è conclusa con la consueta sfilata di moda”, risultato della stretta collaborazione tra la creatività delle alunne del corso ordinario della sezione arte del tessuto e della stampa e la competenza degli allievi della sezione moda e costume del corso serale per adulti.

Ha vinto il primo premio della sezione pittura Simona Avantaggiato, dell’Accademia di Belle Arti di Lecce, mentre per la sezione scultura il primo premio è andato, in ex-aequo, a Sara Distante e Paglialunga Francesco, anche loro della stessa Accademia, mentre “Orientati all’arte” ha premiato Marta Giannelli della scuola secondaria di primo grado di Alliste. Durante al manifestazione sono stati raccolti oltre mille euro in favore delle vittime del terremoto in Emilia Romagna.

«La solidarietà si insegna con l’esempio e non con le parole», ha concluso il dirigente Preite.

Commenta la notizia!