Antiche rotte e nuovi orizzonti sulle vie del pane e della seta: a Melpignano prosegue la rassegna “Rosso di seta”

Melpignano – Venerdì 13 luglio, alle 19.30, all’interno della rassegna “Rosso di Seta. Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto”, avrà luogo a Melpignano l’incontro “Antiche rotte e nuovi orizzonti. Le vie del pane e della seta, i piccoli borghi, l’Europa, l’Eurasia”, annullato il 28 giugno a causa del maltempo. Il tema che sarà affrontato con ospiti d’eccezione propone una nuova visione del mondo: “l’unione del locale con il globale nell’ottica di una visione del mondo che abbracci merci e costumi diversi, dando vita ad un continente idealmente senza confini, l’Eurasia”.

Le guide sulle vie del pane e della seta Questo viaggio singolare sarà guidato da Alessandro Antonicelli, associate professor presso la sede in Manchuria della Raffles University di Singapore, che dal 2004 vive e lavora in Cina. A dialogare con lui ci sarà Anna Trono, docente dell’UniSalento esperta in geografia del turismo e dei beni culturali, e Mario Cazzato, architetto e storiografo leccese, autore del libro “Melpignano. Indagine su un centro minore”. Cazzato più di 30 anni fa scriveva di Melpignano, della ricchezza del suo borgo, della particolarità della sua storia, crocevia di mercanti e artigiani tra Oriente e Occidente. Dal dialogo che si svilupperà potrà nascere un nuovo orizzonte, si potranno immaginare nuove rotte e nuovi approdi superando tentazioni di chiusura e di isolamento autonomo sempre emergenti. Il dialogo, che parte da una piazza simbolo di apertura per antica tradizione, si può leggere come una sfida all’affermazione che alla globalizzazione delle merci corrisponda un ritorno al privato dei singoli. Melpignano, la sua piazza porticata, crocevia di mercanti, luogo di scambi dal profumo orientale, diventerà il luogo dell’incontro tra passato e futuro, tra Europa e Asia.

Passeggiata notturna con La scatola di latta Questo lo spirito e l’intento che guiderà anche la passeggiata notturna, alle 21, organizzata in collaborazione con La Scatola di Latta, e che si snoderà, a partire dalle 21, lungo le stradine del borgo ripercorrendo “le vie del pane”, le strade che fino a 40 anni fa ospitavano gli antichi forni in pietra a disposizione della comunità per cuocere pane e friselle. Si potrà visitare l’ultimo forno, il più antico la cui storia inizia nel 1200 e “si spegne” con la sua ultima cotta di pane nel 1967. Un’occasione per le giovani generazioni per capire, attraverso la storia del pane, l’impegno di intere generazioni di donne che per tradizione erano le depositarie delle ricette per sfornare pane, friselle e taralli.
Il Mercato del Giusto

L’incontro con gli ospiti e la passeggiata lungo le vie del pane si svolgeranno nella cornice della rassegna Rosso di seta “Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto”, organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con alcune associazioni. All’interno del Mercato, a partire dalle 19 sarà attivo un laboratorio per bambini, gratuito e aperto a tutti: “Banca dei semi. Alla scoperta della biodiversità!” a cura dei volontari del Servizio civile nazionale – “Love Eat 016”. Alle ore 20.30 si esibirà il complesso musicale “Armonia Greca”, con musiche tradizionali tra il greco e il griko; alle 22 invece, sarà la volta di “Creuza de ma – Tributo a Fabrizio de Andrè”.

Commenta la notizia!