Andiamo in giro in bici

bike sharing

ACQUARICA DEL CAPO. Si chiama Bike sharing ed è uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione dei comuni che sono orientati ad indirizzare i cittadini verso l’uso di mezzi di trasporto pubblici e non inquinanti. Adottato nelle grandi città, questo sistema di trasporto originale comincia a prendere piede anche nei piccoli centri, sostituendo addirittura con la bicicletta un collegamento tra diversi comuni che non viene garantito con mezzi pubblici. Praticamente viene realizzata una stazione con un certo numero di biciclette bloccate e utilizzabili solo attraverso una tessera o una chiave. Il servizio, che funziona 24 ore su 24, non è usufruibile da tutti ma richiede la registrazione di chi è interessato, in maniera che risulti chi è stato l’ultimo fruitore del mezzo e si scongiurino così i furti.

Un progetto di bike sharing sta per entrare in funzione grazie ad un progetto finanziato con 250mila euro dal ministero dell’Ambiente per collegare tra loro i comuni di Acquarica, Presicce, Taurisano e Ugento.

«Praticamente in ogni comune ci sarà una stazione con dieci biciclette –  ha dichiarato Francesco Ferraro, sindaco di Acquarica, comune capofila del progetto –  cinque biciclette sono elettriche con pedalata assistita e cinque normali. Le biciclette elettriche saranno ricaricate con l’energia prodotta dai pannelli solari installati in ogni stazione e i quattro comuni saranno collegati da un percorso che consente al turista, ma anche a qualunque cittadino, di seguire una strada che attraversa le bellezze caratteristiche di ognuno dei centri abitati e nel caso di Ugento anche di arrivare alla frazione Gemini ed alle marine di Torre Sam Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini» I lavori sono ormai nella fase finale,

«Subito dopo passeremo ad individuare un unico gestore per i quattro comuni. Dopo di che il servizio diventerà operativo», ha concluso il Sindaco.

Commenta la notizia!