Casarano – Merita pensione per il sovrintendente capo di polizia locale Giovanni Cosimo D’Aquino che da alcuni giorni non fa più parte del Comando di Casarano. Con il pensionamento di D’Aquino, ora i vigili restano appena nove (rispetto ai 19 previsti dalla dotazione organica), un numero decisamente esiguo per le esigenze della città, e per giunta con un’età media intorno ai 57 anni. Ovviamente, tra malattie, riposi settimanali (che a volte saltano, come le ferie non godute), maternità e altro, può anche capitare di recarsi presso l’ufficio di piazza San Domenico e trovare la porta chiusa perché i pochi agenti in servizio sono fuori in servizio. Il problema del rafforzamento del Corpo è tra le priorità dell’Amministrazione comunale. In occasione della recente dotazione di una nuova auto, il sindaco Gianni Stefàno ha fatto riferimento alla possibilità di procedere ad assunzioni di di personale a tempo determinato. In occasione del pensionamento di D’Aquino (laureato in Lettere ed in servizio dal 22 dicembre del 1986), i colleghi (oggi guidati da Vincenzo Ferenderes) gli hanno riservato una piccola, ma sentita, festa in ufficio.

 

Pubblicità

Commenta la notizia!