Da Racale alla A, il sogno di Pirretti

by -
0 1403

Alessandro Pirretti con la maglia del Montefiore Gallipoli

Racale. Un piccolo grande passo per un piccolo promettente calciatore. Il giovane Alessandro Pirretti (foto), 14enne centrocampista originario di Racale, da quest’anno suderà e difenderà la maglia dell’Unione sportiva Lecce, che lo ha prelevato in estate dalla squadra con cui ha tirato i primi calci ad un pallone, l’Asd Montefiore di Gallipoli.

Pirretti è “figlio d’arte” (suo padre Salvatore ha per anni militato nelle categorie dilettantistiche pugliesi, ed oltre ad essere uno degli attaccanti di una delle due squadre amatoriali di Melissano, gli “Amici dello Sport”, è anche l’allenatore dell’Asd Melissano che milita in Seconda Categoria).

Agisce da centrale di centrocampo, un mediano dai piedi buoni. Alessandro indossa la maglia numero 4 (talvolta anche la numero 8 ) ed è mancino purosangue, anche in questo caso ha preso dal padre.

Dispone di un buon tocco di palla, gioca a testa alta per osservare il piazzamento dei suoi compagni e servirli con lanci lunghi o assist filtranti. Un centrocampista dotato di buona visione di gioco e preciso nel tirare le punizioni. Proprio come il suo idolo, Alessandro Del Piero.

L’annata sportiva appena trascorsa è stata ricca di soddisfazioni per il giovane racalino. La sua ex squadra, allenata da Enzo Giumentaro, ha stravinto il proprio girone nella categoria Giovanissimi, classificandosi seconda a livello regionale, dopo aver perso per 1-0 la finale giocata a Monopoli in maggio contro la Polisportiva Andriensis.

E come spesso succede, oltre al danno è arrivata anche la beffa: squalifica per tre giornate, a causa delle vibranti proteste indirizzate all’arbitro di gara, a partita conclusa.

Adesso, la grande occasione si chiama Lecce, dove ritroverà qualche “vecchio” compagno di squadra.

Una grande opportunità per crescere da calciatore e formarsi come uomo, sperando in un futuro luminoso.

Commenta la notizia!