Al Centro di Parabita è già Natale

by -
0 936

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

PARABITA. Si pensa già al Natale nel “Centro di solidarietà – Madonna della Coltura”. La macchina benefica della struttura, guidata dal presidente Fiorentino Seclì, è  già in moto per cercare di allietare le feste natalizie di chi in paese è più sfortunato e bisognoso. Sono oltre un centinaio le famiglie parabitane che frequentemente ricorrono alle Caritas parrocchiali. A loro è rivolto il progetto “È Natale per tutti” presentato lo scorso 22 ottobre in occasione del 19º anniversario di apertura della Casa di solidarietà.

Le offerte e i contributi volontari che il Centro riceverà nel mese di novembre saranno così destinati a finanziare l’acquisto di generi alimentari e prodotti tipici del Natale da destinare a chi è in difficoltà. Un sussidio certamente temporaneo per queste insospettabili famiglie della porta accanto, fiaccate dalla crisi economica e dall’assenza di lavoro, ma che può contribuire ad alleviare, se non la fame, almeno la solitudine e l’esclusione sociale.

«Un panettone, delle lenticchie, un pandoro o dello spumante non rientrano nei beni di conforto che normalmente la Caritas distribuisce a chi ne fa richiesta – ha spiegato Seclì – ma a volte sono proprio queste piccole cose a dare il segno delle feste. Per questo vogliamo far entrare un po’ di Natale  anche nelle case di chi non può permettersi grossi festeggiamenti».  L’invito alla collettività è anche quello di donare bottiglie di olio d’oliva o salsa di pomodoro per sostituire l’olio di semi vari e i pelati normalmente distribuiti dalle Caritas.

Alla raccolta benefica parteciperanno anche le parrocchie che, di comune accordo, hanno deciso di destinare a questo progetto i 346 euro di questua raccolti in occasione della messa celebrata per la commemorazione dei defunti, il 2 novembre scorso nel cimitero monumentale. All’interno del pacco dono che sarà distribuito alle famiglie, anche un’informativa del progetto “Caffè-panino perso” avviato lo scorso maggio dalla Casa, per ricordare che nei bar e nei negozi cittadini sono a loro disposizione alcuni coupon per delle consumazioni offerte da anonimi e generosi acquirenti.

Tra le iniziative recenti della struttura anche “Per non dimenticare chi dimentica”, un corso dedicato a chi opera o vive accanto a malati di Alzheimer o anziani affetti da demenza senile.

Quando era piccola, suo papà le ha insegnato a guardare al cielo senza vederci solo l’azzurro. Da grande ha capito, poi, che quelle immagini si potevano tradurre in parole. Un foglio bianco come un pentagramma senza righe né spazi per fare musica con le lettere. Laureata in Filosofia a Pavia, giornalista pubblicista, collabora costantemente con Piazzasalento da Giugno 2011.

Commenta la notizia!