Ad Ugento servizi per l’agricoltura di qualità

di -
0 650

Piazza P. Colonna dove c’è la sede del Centro servizi.

Ugento. Fornire all’imprenditore agricolo l’assistenza e la consulenza di cui necessita e sostenere l’azienda agroalimentare che voglia esserci ed essere competitiva in un mercato in continua evoluzione.

Questi gli scopi per i quali è nato ad Ugento il “Centro servizi avanzati per l’agricoltura”, le cui finalità sono state presentate alcuni giorni fa durante la manifestazione extravergine@ugento.it, la kermesse di promozione dell’olio extravergine di oliva che si è svolta nel Museo di Ugento.

Quello del Centro servizi è un progetto realizzato dal Centro di educazione ambientale “Posidonia” di Ugento, supportato dall’associazione Coldiretti Lecce e condiviso dall’amministrazione comunale.

Nella sede di piazza Pompeo Colonna gli imprenditori agricoli potranno trovare una serie di importanti servizi: patronato, Caf, Caa, marketing e promozione del territorio, progettazione e sviluppo, qualità e sicurezza alimentare, gestione ambientale delle imprese. Particolare importanza riveste lo “Sportello agricolo comunale”, nato per creare un percorso comunicativo tra l’assessorato comunale all’Agricoltura e gli imprenditori.

Oltre a promuovere eventi e appuntamenti legati alla cultura e alla tradizione, lo sportello fornirà informazioni riguardo a bandi, delibere istituzionali, corsi di formazione, concorsi, ecc.

Nell’ambito della progettazione, invece, gli imprenditori saranno seguiti nell’intercettazione di bandi, nella stesura di progetti e nei contatti con enti pubblici e di ricerca. Il centro sarà guidato da Antonio Cerfeda e Cosimo Pierri, del “Posidonia”, nato nel 2005 ad opera di giovani professionisti con esperienze nel settore specifico e nella valorizzazione del territorio in collaborazione con scuole, consorzi e istituzioni.

«Con questa iniziativa – ha spiegato l’assessore all’Agricoltura Daniela Specolizzi durante la presentazione di “extravergine@ugento.it” – si intende stimolare e dare un supporto concreto all’agricoltore che, pur avendo delle idee progettuali per sviluppare la propria attività, non ha i mezzi per farlo».

Commenta la notizia!