Acquarica del Capo, sulle orme del “Vaticano II” il libro di Daniela Casciaro

daniela casciaroACQUARICA DEL CAPO. “Don Tito Oggioni Macagnino: una pedagogia sulle orme del Concilio Vaticano II”. È questo il titolo del libro di Daniela Casciaro (foto) sul parroco che ha lasciato un segno indelebile nella memoria di intere generazioni di acquaricesi che per 30 anni lo hanno avuto come sacerdote, come maestro, come confidente e come guida. Il lavoro della Casciaro, che sarà presentato venerdì 30 gennaio alle ore 18,30 presso il Castello medievale di Acquarica, analizza fondamentalmente  la figura di questo sacerdote più come pedagogista che come parroco. Diviso in quattro capitoli, il libro prende in esame “la vita e il contesto storico” in cui visse don Tito, il secondo capitolo invece tratta la “pedagogia del dialogo e dell’incontro” del sacerdote attraverso i suoi scritti, il terzo è dedicato alla missione di educatore che don Tito svolse in Rwanda, il quarto documenta “il ricordo che don Tito ha lasciato di sé nella comunità acquaricese”.
Con un linguaggio accessibile e lineare l’autrice del libro riesce a mettere in evidenza la pedagogia di don Tito, in coerenza coi dettami del Concilio Vaticano II. Una pedagogia dell’incontro, del dialogo, del confronto, una pedagogia del “personalismo” e non dell’individualismo, dell’essere e non dell’avere, che impregnò l’ esistenza e la  missione di don Tito, sia nella trentennale permanenza ad Acquarica, che negli ultimi dieci anni della sua esistenza che dedicò ai “fratelli africani”.
Dopo i saluti del Sindaco di Acquarica, la serata di presentazione verrà condotta dal direttore di Piazzasalento Fernando D’Aprile. Gli interventi della prof.ssa Anna Maria Colaci, del prof. Carlo Alberto Augieri, Giancarlo Colella e dell’autrice saranno seguiti dalla lettura di alcuni passi del libro a cura di Francesca Dell’Acqua e Annarita Viola e un accompagnamento musicale al violino.

Commenta la notizia!