Abusi, un centro contro

by -
0 704

Parabita. In provincia di Lecce sorgeranno sei nuovi centri anti violenza, uno dei quali troverà sede a Parabita.

L’importante novità arriva dall’Ente di palazzo dei Celestini che per iniziativa dell’assessore alle Politiche sociali ed alle Pari opportunità, Filomena D’Antini, ha presentato alla Regione Puglia il “Piano provinciale triennale di intervento locale di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza contro donne e minori”. Progetto che poi è stato approvato recentemente.

Importante nella stesura del programma provinciale è stata la collaborazione stimolata attraverso incontri, discussioni e proposte dei dieci ambiti territoriali sociali in cui è suddivisa la provincia di Lecce (Lecce, Campi, Martano, Galatina, Maglie, Poggiardo, Nardò, Casarano, Gagliano, Gallipoli), tra i quali un contributo fondamentale è stato garantito dal distretto di Casarano cui Parabita fa parte, come gli altri impegnato anche a garantire risorse finanziarie da investire direttamente nel progetto.

«Ci sono storie di quotidiana violenza sulle donne, storie di giornalieri abusi e angherie sui minori e storie di ordinaria follia – commenta l’assessore provinciale Filomena D’Antini – Non passa giorno senza essere “investiti” dalla brutalità e dalla crudeltà di notizie di soprusi e maltrattamenti, spinti fino al delitto, che colpiscono donne e bambini in ogni angolo del Salento. Oggi con la rete provinciale per dire no alla violenza su donne e minori abbiamo in mano lo strumento per intervenire professionalmente e con azioni mirate e condivise».

Il piano provinciale costerà in tutto 900mila euro, 250mila dei quali cofinanziati con la quota messa a disposizione dalla regione nei complessivi tre anni ed altri 18mila euro finanziati per il potenziamento delle singole équipe presenti in ogni Ambito territoriale sociale.

Il Piano prevede la realizzazione di una casa rifugio a Lecce (struttura che offrirà ospitalità ed assistenza alle donne vittime di violenza fisica e psicologica e ad i loro figli) e di sei Centri anti violenza (Cav) che a Parabita, Galatina, Squinzano, Specchia e Lecce (che ne ospiterà due) diventeranno punti di riferimento per donne e minori vittime di abusi e maltrattamenti.

Qui le vittime di soprusi e vessazioni potranno rivolgersi per ricevere ascolto, accoglienza, assistenza legale e psicologica, e sostegno alla ricerca di un alloggio.

Commenta la notizia!