Abusi sessuali ad un minore con deficit: 8 anni la condanna

TAURISANO – Avrebbe abusato sessualmente di un minorenne il 58enne di Taurisano (E.R. le sue iniziali) condannato ieri in primo grado, dal Tribunale di Lecce, a 8 anni di reclusione. Ad aggravare le accuse ha concorso il deficit psichico del ragazzo (16enne all’epoca dei fatti) e la sieropositività dell’uomo (per fortuna non trasmessa), dallo scorso anno agli arresti nel carcere di borgo San Nicola. Per attirare il ragazzino non sono mancati alcuni regali, un orologio ed un cellulare, con i quali il molestatore riusciva ad avvicinare la sua vittima, spesso sulla villa comunale del paese, per poi portarlo a casa. Di 12 anni è stata la condanna richiesta dal Pubblico ministero, sulla considerazione dell’uso di un coltello per costringere il ragazzo ad avere rapporti con lui. Gli episodi (almeno quattro) sarebbero avvenuti dal dicembre 2015 al gennaio 2016, prima della denuncia ai carabinieri da parte dei genitori del ragazzo. La linea difensiva ha, invece, puntato su alcune “incongruenze” nelle dichiarazioni del ragazzo (rese con il sostegno di una psicologa), sul “ritardo” nella denuncia e, soprattutto, sul consenso prestato dal giovane. Questi i rilievi sui quali si fonderà il già preannunciato ricorso in appello alla sentenza appena resa.

Commenta la notizia!