Pure i rifiuti vanno a scuola

di -
0 425

Aiuola vicino al Polo 1

Gallipoli. La raccolta differenziata dei rifiuti è attiva a Gallipoli da più di un anno ma il vizio di lasciare i sacchetti della spazzatura dove capita non si è mai “differenziato”.

E qual è il miglior posto di lasciare la spazzatura se non ai bordi di una aiuola (che, in verità, di aiuola ha solamente il nome) davanti ad una scuola, il Polo 1? Questo non costituisce una remora per chi, sprezzante del normale comportamento che regola i rapporti di civile convivenza, ha depositato lì dei sacchetti di immondizie senza chiedersi quali conseguenze potrà causare il suo gesto. L’aiuola, per di più, si trova davanti al plesso scolastico degli ex Salesiani.

Lo spettacolo non è certo edificante.  Eppure negli anni scorsi l’aiuola in questione era stata adottata da una classe della scuola elementare di quell’edificio. Allora sì che era un bel vedere. Ora, invece, nessuno se ne occupa e mosche e zanzare ci vivono spensierate tra i bambini che ci giocano accanto.  La presenza dei rifiuti è stata segnalata al nostro giornale da un residente della zona che ha evidenziato “l’indifferenza generale di chi ci abita, del personale scolastico e degli stessi genitori che accompagnano i figlia  scuola”.

Un altro caso di abbandono dei rifiuti, ancor più singolare, è accaduto sul lungomare “Galilei”. Un water di porcellana abbandonato accanto al box informazioni turistiche, posizionato lì alcuni anni addietro su iniziativa dell’Apt di Lecce. Si poteva capire il gesto se l’ignoto autore avesse provveduto ad allacciare il “sanitario” alla fogna e recintarlo, ma si, anche con un prefabbricato, considerato oltretutto l’assenza di diurni pubblici a Gallipoli.

Ma a cielo aperto esistono solo le discariche abusive e la città sta ancora aspettando la apertura dell’ecocentro, sorto nella zona Peep che per ora rimane un potenziale servizio di tutti i cittadini e l’Ato Lecce 2 ancora non ha fatto conoscere le intenzioni in merito alla attivazione. Un water, anche se di porcellana, abbandonato in quel posto, non fa altro che deturpare l’ambiente ed offrire ai tanti visitatori un biglietto da visita che non fa certo bene alla città.        

Commenta la notizia!