A Gallipoli, case vacanze fantasma ma truffe decisamente reali

baia verde e litoranea aerea gallipoli

GALLIPOLI. Appartamenti fantasma e truffe reali. Ne hanno fatto le spese turisti affascinati dalle coste del Salento, di Gallipoli in particolare, molto fiduciosi nella rete e nelle opportunità di usarla senza perdere tempo e spostarsi da casa. È accaduto così che in  tanti nel corso dell’estate hanno avuto l’amara sorpresa di essere stati raggirati e di essere caduti, questa volta non solo metaforicamente, nelle maglie della rete di uomini senza scrupoli.

La tecnica è consolidata, protetta dall’anonimato dei siti: gli annunci di appartamenti nelle zone più turistiche di Gallipoli come Baia verde hanno allettato molti che si sono fidati, hanno firmato il contratto, pagato la caparra, per scoprire poi, una volta giunti in città, che l’appartamento loro assegnato o non c’era o era occupato da legittimi proprietari o era già stato  affittato legalmente ad altri inquilini.

Sono partite le prime denunce e le successive indagini a conclusione delle quali sono in sei, tutti residenti in provincia di Milano a essere stati scoperti e denunciati per frode informatica e per truffa aggravata continuata.  Intanto ai furbetti lombardi con conoscenza dettagliata della costa gallipolina l’operazione ha fatto guadagnare più di 5mila euro.

Commenta la notizia!