“Itaca” ad Alezio

by -
0 1259

Villa Starace ALEZIO. “Note per una nuova Itaca – Concerto polifonico Pro loco fra sapori e colori senza frontiere”: questo è il nome della serata organizzata domenica 15 giugno,  a partire dalle 20.30 presso Villa Starace, dalla Pro Loco, in collaborazione con lo Sportello immigrati del Comune, l’Ambito sociale di Gallipoli (che comprende anche Sannicola e Tuglie) e, per il Comune, dall’assessore alle Politiche sociali Paola De Mitri. «La manifestazione, nata originariamente come “Concerto di primavera” – dice la presidente della Pro loco Tina Levantaci – è ora diventata un’occasione di incontro e coinvolgimento dei tanti ospiti stranieri che vivono ad Alezio, una serata interculturale di accoglienza e di scambio per superare ogni diffidenza reciproca e per ringraziarli di quello che fanno per la nostra comunità. Villa Starace è la location ideale perché, oltre a fornirci le strutture necessarie in un bellissimo ambiente all’aperto, è anche sede di tanti nostri anziani  assistiti dalle suore compassioniste, che potranno avere l’occasione di trascorrere una bellissima serata in allegria».

Molti ospiti stranieri hanno condiviso ricette e musiche tradizionali dei propri paesi d’origine. Il Coro polifonico Proloco, diretto dal giovane maestro Stefano Schirosi di Gallipoli alla pianola, accompagnato da Luca Gorgoni al violino e da Vittorio Gaudenti di Gallipoli alla batteria, presenterà sia una rassegna di canzoni italiane, sia, in lingua originale, di canzoni tradizionali di Bulgaria, Polonia, Romania, e del Magreb. Esplicativi dell’“Itaca” (il luogo del cuore di ciascuno) nel titolo della serata sono i versi del ritornello di una canzone rumena:“Portami via, o tramvai, portami nell’ingresso della mia casa, dove ancora ci sono i miei stivali. La strada è deserta e si fa buio.  Sull’uscio della mia casa c’è qualcuno che aspetta. Portami via, cosa aspetti?” E, per finire, come accade nelle feste, un assaggio di sapori tipici che porteranno ad Alezio i profumi di Romania, Tunisia, India, Bulgaria, Senegal, Polonia, Ucraina…

Commenta la notizia!