Nardò – Regolamento delle zone a traffico limitato ztl nel centro storico, il testo è pronto per essere approvato in Commissione e poi in Consiglio. È passato un mese da quando l’assessore alla Mobilità e alla Polizia locale, Ettore Tollemeto, ha presentato alla città la bozza di regolamento ztl e aree pedonali nel centro storico, al quale ha lavorato il consulente per il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile Cosimo Chiffi. Si tratta di un documento dal quale partire per preservare totalmente la città vecchia dal traffico automobilistico, proteggendo monumenti, immobili e pedoni. La fase “consultiva”, durante la quale residenti, commercianti, associazioni e cittadini potevano inviare proposte e suggerimenti è ora terminata. Il regolamento è perciò pronto per i successivi passaggi istituzionali.

Dalle segnalazioni e dalle proposte di residenti e cittadini, fa sapere Palazzo Personè, è emersa ad esempio la necessità di contrastare la sosta irregolare in aree come vico Moline, piazzetta La Rosa, via Sambiasi, piazza Battisti, piazzetta Calvario e intorno ai monumenti con l’installazione di paletti, fioriere e dissuasori e mediante maggiori controlli della Polizia Locale. Confermata la limitazione di accesso e circolazione dei veicoli all’interno della zona a traffico limitato da parte dei residenti, che salvo temporanee eccezioni potranno raggiungere la propria abitazione accedendo da un solo varco e seguendo il percorso più breve (e non circolando liberamente nel centro storico).

Saranno poi emanati provvedimenti restrittivi temporanei su piazza Battisti in occasione di eventi o di sera nel fine settimana. Altra osservazione accolta: sarà consentita la sosta libera ai residenti della ztl negli spazi di sosta con disco orario intorno al perimetro del centro storico, nelle ore serali e notturne. Infine, su via Anime e via Fratelli Gabellone il transito sarà riservato unicamente ai residenti, con doppio senso di circolazione su corso Garibaldi.

Pubblicità

Provvedimento “partecipato” «Non volevamo imporre un provvedimento – ha dichiarato l’assessore Ettore Tollemeto – che il giorno dopo l’adozione presentasse magari lacune o errori facilmente riscontrabili “dal basso”. Molti suggerimenti sono stati ragionevoli e giusti e sono stati accolti, altri rischiavano di indebolire i cardini principali del regolamento e abbiamo scelto di non prenderli in considerazione. Sono certamente soddisfatto della risposta dei neretini che hanno dato prova di maturità e partecipazione. Possiamo essere tutti contenti del testo finale».

Una lunga attesa Una soluzione, quella di rendere ztl il centro storico (e non la sola area di piazza Salandra, come è attualmente), a lungo attesa dai residenti e da un vasto e trasversale movimento d’opinione che da anni chiede la chiusura al traffico della città vecchia. A fine 2017 l’Amministrazione comunale annunciò la chiusura al traffico per febbraio-marzo. Poi non se ne fece nulla e si palesarono i malumori. Il 13 giugno il nuovo annuncio dell’assessore Tollemeto, poi il regolamento arricchito delle proposte dei cittadini e pronto per gli esami finali. Dopo anni di attese, la svolta sembra vicina.

Pubblicità

Commenta la notizia!