In albergo anche con il cane: l’Ecoresort fornito di Bau bar che ospita ora Holly, Chicco, Chira, Willy e Chicco Pasticcio

Gallipoli – Adesso ci sono Holly, Chicco, Chira, Willy e Chicco Pasticcio, ma sulla stessa spiaggia e sullo stesso mare che ha fatto rilassare il Barboncino, il Chihauhua, il Pincher, il Maltese e il Cocker americano ci sono stati anche Cloe (Boxer), Aragon (Border collie), Bill (Setter inglese) e tanti altri da aprile ad oggi: sono  gli amici fidati a quattro zampe che hanno accompagnato i loro padroncini in vacanza a Gallipoli, Ecoresort Le Sirené, uno delle poche strutture ricettive attrezzate ad accoglierli ed a farli rilassare. Come dimostra Milla (nella foto), che preferisce stare nel locale delle prenotazioni, dopo essere stata adottata; a breve, diventerà un bagnino provetto.

Necessario il passaporto anche per loro Agli ospiti, al momento del ricevimento, viene chiesto il passaporto canino per cui anche gli amici a quattro zampe vengono registratI con tanto di generalità, data di arrivo e di partenza. Per i cani vi è un’area riservata in spiaggia e dei punti ristoro (acqua) chiamati Bau Bar. Vi sono inoltre convenzioni con servizi di toelettatura e veterinari.

La giornata dimostrativa della Scuola cinofila per soccorso in mare L’Ecoresort ha ospitato nei giorni scorsi sulla propria spiaggia una giornata dimostrativa della Scuola cinofila italiana soccorso acquatico e ricerca curata dal presidente Marco Scialpi di Gallipoli. “Intervenire tempestivamente tuffandosi da un gommone in corsa, nuotare in mare aperto controcorrente, trasportare a riva tre soggetti in pericolo contemporaneamente o trainare una imbarcazione alla deriva con diverse persone a bordo, mantenere l’autocontrollo in condizioni di stress sono attività complesse che richiedono al binomio conduttore-cane, oltre ad una particolare motivazione, una formazione specialistica adeguata”, chiarisce Scialpi. La Scuola di addestramento è nata a Lecce per poi espandersi in tutta Italia. Le Unità cinofile Scisar operano come volontariato per soccorso ed anche per pattugliamento delle spiagge, pubbliche o private, di mari e laghi; per l’assistenza di gare di nuoto o regate.

Le razze più indicate I cani maggiormente impiegati nelle attività di soccorso acquatico, sono Terranova, Golden Retriever e Labrador  ma possono partecipare cani di tutte le razze purché il loro peso sia superiore a 25 kg. e che dimostrino una buona propensione all’ acqua, siano in buone condizioni fisiche, siano in regola con le vaccinazioni, non mostrino aggressività verso l’uomo e verso i simili, siano registrati all’anagrafe canina. Come spiega ancora il presidente Scialpi, “per poter conseguire il brevetto operativo di unità cinofila, il conduttore deve essere in possesso del brevetto da Bagnino o Assistente bagnanti, così come disposto dalle ordinanze del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto”.

 

 

Commenta la notizia!