Pescoluse scelta di nuovo dalle tartarughe per un’altra covata scoperta da bambini

Pescoluse (Salve) – Straordinaria scoperta di alcuni bambini ieri che, mentre giocavano sulla spiaggia di Pescoluse, si sono imbattuti in una consistente covata di uova di tartarughe. Dapprima la nidiata di Caretta Caretta, specie a rischio estinzione, è stata scambiata dai piccoli bagnanti per un mucchio odi palline con le quali hanno pure giocato per qualche minuto.

Appena i loro genitori hanno visto da vicino cosa stava accadendo, è apparsa loro subito chiara la situazione ed è partita la segnalazione alla Capitaneria di Porto di Gallipoli. La nidiata si trova ad una quindicina di metri dalla battigia e a ridosso di una duna. La zona è stata recintata quindi e il tutto posto sotto la responsabilità del Centro recupero tartarughe marine del Museo di storia naturale di Calimera.

Pescoluse, località che gode della Bandiera blu di Legambiente, non è nuova ad essere spiaggia prescelta da parte delle tartarughe marine per deporvi le uova. Questa specie, dichiarata protetta dal 1994, già nel 2013 aveva registrato una deposizione di uova di Caretta Caretta. Il 12 giugno scorso un’altra nidiata è stata scoperta sulla spiaggia di Torre Chianca. La schiusa delle uova è prevista per metà agosto. Resta solo da sperare che le uova superino le difficoltà legate alla presenza dei predatori, delle mareggiate, della balneazione in generale. (foto Ansa)

I.D.

Commenta la notizia!