Laboratori urbani in Rete 2017, finanziati i progetti di Gallipoli, Aradeo, Matino, Otranto

Gallipoli – Il progetto del Laboratorio urbano di Gallipoli si è collocato al nono posto della graduatoria scaturita dall’avviso pubblico del dicembre scorso “Laboratori urbani in Rete 2017” per cui è stato finanziato insieme ad altri 15 progetti; ognuno di questi otterrà un finanziamento di 150mila euro. La Regione a sostegno di queste iniziative per rafforzare le attività dei laboratori , aveva stanziato 2 milioni 300mila euro. ella graduatoria regionale. Oltre a Gallipoli, sono stati finanziati i laboratori di Aradeo, Cutrofiano, Leverano, Matino e Otranto in provincia di Lecce. A Gallipoli il progetto coinvolge le associazioni Emys, Legambiente, l’artigiano Roberto Pero (nella foto il chostro di San Domenico a Gallipoli).

L’obiettivo di questo bando è quello di “potenziare i Laboratori urbani esistenti, dando seguito alla sperimentazione già avviata lo scorso anno con la deliberazione della Giunta regionale n. 322 del 22 marzo 2016), attraverso risorse del Por Puglia 14-20, azione 9.14. L’iniziativa, diretta ai Comuni già titolari di un Laboratorio urbano e non beneficiari dei fondi della precedente edizione di Laboratori Urbani in Rete, intende portare a conclusione il processo di miglioramento funzionale e strumentale dei Laboratori urbani. “Lo scopo – si legge nella nota della Regione Puglia – è quello di assicurare agli spazi per i giovani parametri di qualità (accessibilità, vitalità, stabilità economica, vocazione all’inclusione sociale etc.) e metterli in rete, per portare a compimento l’infrastruttura territoriale per i giovani pugliesi a sostegno delle politiche di attuazione della programmazione comunitaria 2014-20”.

Commenta la notizia!